Cosa sono i seminari Web:

è una lezione online che puoi seguire comodamente da casa e con qualsiasi dispositivo elettronico (PC, Smartphone, Tablet).
Sarà possibile seguire la lezione che durerà 1 ora con la possibilità di vedere le slide.
Gli incontri si svolgeranno in diretta sulla piattaforma Zoom dedicata Mind4Children con la possibilità di interagire con il docente, scrivendo le proprie domande. Per accedere al seminario basterà iscriversi e accedere alla piattaforma da un PC, Mac, iPad, iPhone o dispositivo Android.

In seguito all’iscrizione riceverai una mail di conferma con tutte le istruzioni per partecipare al seminario.
L’email arriverà all’indirizzo corrispondente a quello che hai usato per iscriverti al seminario Web.
Ti consigliamo di verificare sia in Posta in arrivo, sia in Posta indesiderata/spam.

Al termine del corso verrà rilasciato un Attestato di partecipazione.
NON è possibile acquistare il corso con la carta docente.

Quando:

Lunedì 4 Maggio 2020 h: 18:00 -19:00
Lunedì 18 Maggio 2020 h: 18:00 -19:00

Per chi:

il seminario web è per tutti, genitori, insegnanti e professionisti.

Relatore:

Daniela Lucangeli è Professore Ordinario in Psicologia dell’Educazione e dello Sviluppo (2005) presso l’Università di Padova.
Presidente Accademia Mondiale delle Scienze Learning Disabilities (International Academy for Research in Learning Disabilities – IARLD) Sessione Sviluppo (2015);
Presidente di Mind4Children;
Presidente Nazionale CNIS (Associazione per il Coordinamento Nazionale degli Insegnanti Specializzati e la ricerca sulle situazioni di Handicap);
Presidente Comitato Scientifico Polo Apprendimento;
Socio di numerose associazioni scientifiche internazionali e nazionali nell’ambito del Developmental Sciences.
Prorettrice con delega all’orientamento e tutorato per l’Università degli Studi di Padova per la continuità formativa Scuola-Università-Lavoro ( dal 2007 ad oggi).
Le sue principali aree di ricerca sono: i processi maturazionali del neurosviluppo con particolare attenzione al rapporto tra apprendimento ed emozioni. Gli ambiti di ricerca sperimentale in specifico riguardano i trend evolutivi (intelligenza numerica) e difficoltà di apprendimento.
È autrice di diverse pubblicazioni di ricerca su riviste peer-reviewed e diversi libri e capitoli di libri. È membro del comitato di redazione di molte riviste specializzate come Journal of Learning Disabilities e referee per molte altre riviste internazionali (Journal of Experimental Child Psychology, Journal of Educational Psychology).

Abstract 4 Maggio “La mente sente… nella gioia e nel dolore”

Le emozioni sono stati mentali e fisiologici associati a modificazioni psicofisiologiche, a stimoli interni o esterni, naturali o appresi; la loro funzione ha una valenza evolutiva e consiste nel rendere più efficace la reazione dell’individuo.
La letteratura scientifica tende a separare il concetto di “emotion” (emozione, dal latino: e- movere= muovere fuori), riferito al l’attivazione fisiologica del corpo, da quello di “feeling” (sentimento, etimologia: dalla parola sentire) utilizzato per indicare l’elaborazione psicologica connessa all’emozione (Berridge, 2018). Questi due aspetti delle emozioni sono comunque intrinsecamente interconnessi. Sarebbe un errore considerare l’attivazione fisiologica come processo esclusivamente inconscio e il processamento psicologico come processo completamente cosciente. La loro attivazione è connessa a scopi a lungo termine all’interno del contesto sociale e sono legate ad aree cerebrali filogeneticamente più evolute quali la corteccia prefrontale mediale (Gilead et al 2016).
Ma cosa è il dolore e chi sente il dolore? Lo sentiamo e percepiamo tutti noi, sappiamo bene che pizzicando una parte del corpo il dolore non viene percepito solo quella parte, ma dal nostro noi Intero. L’informazione del dolore è un flusso in cui tutto l’organismo vivente si mette in azione per rispondere su ciò che sta dolendo, cioè avvertendo che l’intero Sé è messo in pericolo da un certo stimolo.
Il dolore è il mezzo per cui il nostro Sé ci informa attraverso l’attivazione di meccanismi biologici, psicologici e sociali che qualcosa ci duole.

Abstract 18 Maggio “La scuola insegna in vicinanza…a distanza….dipende dalla tecnologia?”

La tecnologia è ormai entrata a far parte della nostra quotidianità anche negli ambienti scolastici, risulta allora importante parlare del loro effetto nei giovani e negli insegnanti.
Le nuove tecnologie stanno radicalmente cambiando il modo di fare didattica, grazie all’utilizzo di strumenti interattivi quali libri digitali come la LIM, i Tablet, Piattaforme Online, ecc.. Sebbene ci siano i molteplici benefici legati all’uso dei device digitali bisogna mantenere uno spirito critico, ricordandoci quali effetti emotivi e non questi strumenti possano avere sull’apprendimento. Non si può dare un giudizio univoco, positivo o negativo che sia, sull’impatto delle nuove tecnologie sulle menti dei ragazzi, ma è imprescindibile uno spirito critico su come tutto ciò possa influenzare lo sviluppo cognitivo ed identitario (Greenfield 2015).
Ma noi adulti educanti conosciamo davvero queste tecnologie? Ne conosciamo punti di forza e fattori di rischio almeno al punto di saper guidare i nostri ragazzi?
Infine una provocazione può essere utile riguardo alla tanto citata didattica a distanza: se la tecnologia è un mezzo allora cosa ci impedisce di provare a pensare progettare agire didattiche di vicinanza ?
Non sono giochi di parole ma significanti dell’agire educativo che scegliamo.

Costo:

La partecipazione ad ogni seminario web è di 10.00 euro*
(* cifra legata alla particolare situazione che stiamo vivendo nell’emergenza Covid-19)

Come puoi pagare:

Carta di Credito e Paypal , NON si può pagare con la carta docente

Iscriviti subito, scegli la data a cui partecipare:

  • 4 Maggio 2020 h: 18:00 “La mente sente… nella gioia e nel dolore”
  • 18 Maggio 2020 h: 18:00 “La scuola insegna in vicinanza…a distanza….dipende dalla tecnologia?”